fbpx

Arte in Evoluzione su l’Eco di Bergamo

Il ciclo di incontri dedicati all’Arte contemporanea organizzato dalla nostra associazione in collaborazione con l’esperta d’Arte Iside Vallese, Arte in Evoluzione, viene menzionato anche su l’Eco di bergamo del 20 Marzo 2019

Arte e performance a Villa Regina Pacis

Proseguono gli appuntamenti a Villa Regina Pacis in via S. Maria 10 a Comenduno di Albino con le serate dedicate all’arte dell’associazione Arte sul Serio. Martedì 2 aprile dalle 20 alle 22 la relatrice Iside Vallese introdurrà la serata dal titolo «Dalla Performance all’Arte Relazionale, dall’happening alla sua evoluzione in performance; la nascita di una nuova dimensione estetica: la bellezza delle relazioni». Martedì 16 aprile sarà invece il momento di un’analisi «Il Posthuman, l’estetica del domani, Come sarà l’essere umano del futuro?», per poi concludere martedì 30 aprile con «Le arti digitali: la conquista dell’immateriale». Biglietto singolo d’ingresso a 5 euro per gli associati e 7 per i non associati, acquistabile a Villa Pacis.Per informazioni artesulserio@gmail.com

Una nostra associata espone ad un evento organizzato dall’Accademia Carrara

Anna Pulcini partecipa all’esposizione dal titolo “Sono solo disegni” organizzata dall’Accademia di Belle Arti G. Carrara , inaugurata lunedì 5 Marzo 2018,  alle ore 17,00,  con alcuni suoi lavori

Questo slideshow richiede JavaScript.

Complimenti ad Anna e congratulazioni per la costanza e l’impegno che mette in questa sua  passione

per dettagli sull’esposizione   (vai ai dettagli dell’evento)

Arte sul Serio Natale 2017

Ha voluto essere un assaggio, una verifica della reazione ad una iniziativa nuova in Albino. Arte sul serio, ha voluto essere presente tra la gente anche in occasione degli eventi Natalizi.

2017-12-21-PHOTO-00074298

I suoi intagliatori del legno si sono esibiti in collaborazione con il ristorante “Alla Corte degli ozianti” mettendo in mostra le loro opere e la loro passione.

Il gruppo di arte contemporanea, sempre di Arte sul Serio, in collaborazione con la “Caffetteria Mazzini” si è esposto all’interno del cortile adiacente alla caffetteria

Leggi tutto

Emilio Vedova e la sua Arte

emiliovedova

Emilio Vedova nasce a Venezia il 9 Agosto 1919. Si avvicina alla pittura da autodidatta. Nel 1942 si unisce al gruppo corrente dove incontra Renato Birolli, Umberto Vittorini, Renato Guttuso ed Ennio Morlotti.

Nel 1943 alla caduta del regime fascista aderisce attivamente alla Resistenza.

Nel 1946 firma a Milano con Morlotti il manifesto del realismo “Oltre Guernica”. Nello stesso anno è tra i fondatori a Venezia del “Fronte nuovo delle Arti”.

Leggi tutto

Sognando per un attimo

Di Federico Bianchi

Pubblicato sul mensile “Paese Mio” – Giugno 2017

 

IMG_7279C’è una vetrinetta in via Mazzini, piccola, semplice, nata da poco.

Ci sono passato una sera, non tardi, d’avanti come tante altre volte con passo veloce come mia abitudine.

Qualcosa da quella vetrina mi ha richiamato indietro

Una ventata di nuovo, di personale, di non visto altrove, un gioco di colori di fantasia che nascono dalla voglia di coinvolgere, come in un abbraccio caldo.

Per un attimo ho chiuso gli occhi e fermato il tempo, mi sono lasciato trascinare in un breve sogno.

Mi sono ritrovato al paese dove ho vissuto per tanto, vicino al lago, le cui vie erano piene di queste vetrinette, ornate con opere realizzate dalla fantasia, dalla passione di chi le creava.

Le vie erano delle vetrine. Mi ricordo artigiani del rame, del ferro, artisti imbrattati di colori, quadri loro stessi in mezzo ai loro lavori

All’interno dei cortili si intravedevano opere in fase di realizzazione, artigiani, artisti al lavoro, passanti che chiedevano, partecipavano emotivamente

Ho sognato le vie di Albino cosi come in quel paese. Sono vie belle le vie di Albino

Ho aperto gli occhi ed ho visto una bella via, deserta, spenta, negozi chiusi sepolti nella loro storia.

Forse anche lei era più viva  una volta. Il tempo ha cambiato molte cose, ha cambiato l’uomo.

Ci ha fatto chiudere i cortili rendere le vie deserte.

Forse è giusto così, non sono in grado di dire se giusto o no. IL tempo decide per noi

So solo che basta una vetrinetta come quella per farmi ritornare la voglia di camminare in una via dove l’artista uomo si manifesta in ogni angolo ed in tutti i modi a lui congeniali.

Arte sul Serio in mostra ad Albino

Nella chiesa di S. Bartolomeo: dal 20 maggio al 3 giugno i suoi associati hanno esposto le loro opere

 

Riporto una definizione che ho trovato su internet

“ L’arte, nel suo significato più ampio, comprende ogni attività umana – svolta singolarmente o collettivamente – che porta a forme di creatività e di espressione estetica, poggiando su accorgimenti tecnici, abilità innate o acquisite e norme comportamentali derivanti dallo studio e dall’esperienza. Nella sua accezione odierna, l’arte è strettamente connessa alla capacità di trasmettere emozioni e “messaggi” soggettivi. Tuttavia non esiste un unico linguaggio artistico e neppure un unico codice inequivocabile di interpretazione.

Nel suo significato più sublime, l’arte è l’espressione estetica dell’interiorità umana. Rispecchia le opinioni dell’artista nell’ambito sociale, morale, culturale, etico o religioso del suo periodo storico. Alcuni filosofi e studiosi di semantica, invece, sostengono che esista un linguaggio oggettivo che, a prescindere dalle epoche e dagli stili, dovrebbe essere codificato per poter essere compreso da tutti, tuttavia gli sforzi per dimostrare questa affermazione sono stati finora infruttuosi.”

Ed allora quando incontro un artista, da cosa parto per definirlo tale? dal valore economico delle sue opere? dalle emozioni che suscita? dalle sue capacità di rappresentare il reale? Da che cosa?

Se l’arte è l’espressione estetica dell’interiorità umana, credo sia questo che va cercato in un’opera, sia essa di alto valore economico o di basso valore economico.

Prima di analizzarne il valore tecnico, materia di esperti, noi persone semplici ci dobbiamo far coinvolgere dall’opera stessa nella sua espressione emotiva, instaurare un dialogo con essa, lasciare che in ogni suo segno parli di se.

In ogni suo segno è contenuto parte del percorso interiore dell’autore, una mistura di gioie e sofferenze, di tribolazioni mentali e di serenità

L’opera, in se, è prima di tutto un dialogo che l’artista fa con se stesso e lo rappresenta nel modo a lui congeniale.

Non parlo dell’arte dei grandi, degli inarrivabili per effettivo valore artistico o perché oggetti della macchina da business, parlo dell’arte semplice, la nostra, quella che esponiamo con riluttanza perché non siamo Artisti quotati, Artisti valorizzati a centimetro.

L’arte che in questi giorni è di casa ad Albino grazie alle iniziative di Arte sul Serio, l’arte nostra, quella che viene dal cuore e che con segni più o meno decisi mette in mostra in primo luogo noi stessi.

In questo contesto l’arte diventa il tramite per un dialogo positivo, costruttivo dove interiorità diverse si incontrano e si scambiano pezzi di vita.

Un via vai di gente ha potuto in questi ultimi fine settimana venire a contatto con le opere degli associati di Arte sul Serio esposte nella meravigliosa cornice della chiesa di S. Bartolomeo.

L’atmosfera che si respirava era quella descritta sopra, arte semplice ma grande per la spontanea espressività.  Arte di hobbisti che per passione dedicano parte del loro tempo all’arte semplicemente per il piacere di rappresentarsi attraverso di essa senza pretese alcuna.

Esporre, mettere in vista le proprie opere, non è una scelta semplice, si è un po’ gelosi, protettivi verso di loro, quasi a proteggere se stessi. Si teme il giudizio come una sconfitta e non come una crescita

Viviamo in un mondo dove devi essere sempre primo per essere qualcuno e sempre siamo alla ricerca di surrogati per esserlo, dimenticando che noi siamo grandi quando siamo noi stessi.

Esporre delle opere vuol dire superare questo, esporre se stessi poi diventa un gioco, un gioco di relazioni, di emozioni, di vita

Dal 20 maggio al 3 giugno Arte sul Serio ha esposto In S. Bartolomeo   più di 50 opere

Accanto all’arte pittorica e intaglio del legno, , sono state inserite in collaborazione con altre associazioni artistiche,  durante la mostra,  espressioni d’arte di  altri genere

Il DUO ARMONIAE, con Giuliano Marco Mattioli e Rossella Pirotta, , la loro musica ha accompagnato i  visitatori avvolgendoli in una atmosfera magica, carezzevole che si  espandeva in modo non invadente nel contesto già di per se sacro  della chiesa.Musica e pittura a braccetto per entrare in noi con messaggi positivi e rilassanti

Il maestro GIAMPIERO TIRABOSCHI appassionato studioso di storia, in particolare della storia delle nostre terre, illustrandoci le vicende storiche ed artistiche del luogo ha cambiato il nostro modo di viverlo ed ai nostri occhi ha valorizzato ulteriormente la scelta di aver collocato le opere dove storia ed arte ci hanno tramandato molto.

Il gruppo PEZZI  FLUTTUANTI, ha chiuso la mostra con racconti scritti da loro e accompagnati da un sottofondo musicale. Sono racconti brevi e significativi tratti dalla vita di tutti i giorni. Un coinvolgimento interessante, accattivante che ci vede in parte protagonisti di quelle storie perché attuali.

Collaborare con realtà artistiche che esprimono arte in modalità diverse ha dato un grande contributo allo spirito artistico che vive in noi e che spesso ci dimentichiamo di ascoltare o temiamo di doverlo assecondare.

Un’ esperienza estremamene positiva, un percorso che Arte sul Serio ha iniziato ed intende continuare coinvolgendo realtà che operano nel mondo dell’arte.

Va un dovuto, caloroso, riconoscimento a tutti gli associati di Arte sul Serio che hanno contribuito al successo della serie di eventi che si sono conclusi con la mostra finale.

Sono il risultato di una costante, silenziosa, impegnativa dedizione all’arte.

 

Il presidente di Arte sul, Serio

Federico Bianchi

Impressionismo-preludio all’arte contemporanea

Di Vittoria Guerini

Pubblicato sul mensile “Paese Mio” – Aprile 2017

 

Renoir-Mademoiselle Irene-1880

Come rimanere impassibili di fronte ai colori, ai paesaggi, alle atmosfere delle opere del movimento impressionista? La languidità, la vivacità, l’equilibrio dipinto con tanta maestria sulle tele dagli artisti impressionisti rendono questi capolavori meravigliosi agli occhi di chiunque vi posi lo sguardo.

L’Impressionismo è stato il più importante movimento artistico dell’Ottocento che trae origine direttamente dal Realismo in quanto, come questo, si interessa soprattutto alla rappresentazione della realtà quotidiana, la cui carica innovativa ha avuto un’eco profonda sulle generazioni successive di artisti europei, contribuendo in maniera determinante ad innescare il processo di trasformazione dell’arte che avrebbe portato alla genesi dell’arte moderna.

L’Impressionismo nasce e si sviluppa in Francia fra il 1867 e il 1880, ufficialmente il 15 Aprile 1874 a Parigi in occasione della “Mostra degli Artisti Indipendenti” tenutasi nello studio del fotografo Nadar. Organizzatori della mostra furono gli artisti stessi, tra cui Pissarro, Monet, Sisley, Degas, Renoir, Cezanne, esclusi, per l’ennesima volta, dalle manifestazioni ufficiali.

L’evento suscitò grande scalpore e sollevò critiche feroci, soprattutto quelle del pittore e critico Louis Leroy il quale, in un articolo apparso sulla rivista “Le Charivari” il 25 Aprile 1874, denigrava pesantemente le opere esposte. Bersaglio dei suoi strali fu il carattere di approssimazione e indeterminatezza delle pitture esposte, incarnato soprattutto dalla tela di Claude Monet “Impression, soleil levant” (1873). Proprio sul titolo dell’opera trasse spunto per il titolo dell’articolo, “Mostra degli Impressionisti”. Il termine, usato in termini dispregiativi da Leroy piacque talmente agli artisti che se ne appropriarono.

Van Gogh-Gelsi potati al tramonto-1888Claude Monet fu l’artista-guida del movimento impressionista e più d’ogni altro ne realizzò gli ideali. Egli era del tutto indifferente all’arte del passato ed ogni teoria estetica suscitava in lui un profondo senso di disgusto; ciò che lo stimolava, invece, era la memoria per le sensazioni visive, il “dipingere attingendo direttamente dalla natura e cercando di rendere pittoricamente le impressioni prodotte da effetti fugaci ed estemporanei”. Secondo Monet soltanto la luce poteva avere una funzione unificatrice della figura e del paesaggio, facendosi guidare dall’evidenza visiva egli notò che le ombre non sono nerastre ma colorate e che ogni oggetto muta d’intonazione a seconda della sua posizione nei confronti della luce. Monet si trovò ad utilizzare pigmenti più chiari e luminosi servendosi di colori puri, non impastati, e dei rispettivi complementari per cui scomparvero dalla tavolozza i bruni, le terre e il nero. Adottò una tecnica libera e morbida nella quale la pennellata non veniva mai assorbita in una superficie liscia e regolare, e il risultato appare appena abbozzato o incompiuto. Sulla fine del decennio 1870-80 l’Impressionismo era un movimento accolto e riconosciuto; autori importanti compirono con Monet tale rivoluzione tra i quali vanno ricordati Alfred Sisley, Frédéric Bazille, Turner, Constable e Auguste Renoir, pioniere di una pittura dai colori brillanti e luminosi. Quest’ultimo fin dalla metà degli anni ’60 si configura pienamente impressionista; la sua rappresentazione della realtà è creata dalla luce che compone immagini suggestive e di grande fascino attraverso le sue mille rifrazioni e i suoi riflessi, mentre i suoi nudi femminili, luminosi e di superba intensità, derivano dallo studio dei pittori del Cinquecento italiano.

A partire dal 1880 l’Impressionismo subisce una notevole evoluzione a partire dallo stesso Monet che si allontana dalle sue premesse per cercare emozioni più intense poste al di fuori della realtà naturale che si traducono in una pennellata più violenta, il soggetto scade d’importanza e non è che una cornice entro la quale si annotano le sensazioni suscitate dagli estemporanei effetti della luce.

Verso il 1880 si assiste ad una crisi nell’ambito dell’Impressionismo a causa del tramonto del naturalismo che si andava involgarendo assumendo un’intonazione materialista tipica del contesto storico-sociale dell’inizio del nuovo secolo, per cui si determinò una reazione post-impressionista che si valse di movimenti, talora in contrasto fra loro, come quelli proposti da Seurat, Gauguin e Van Gogh.

Se con Seurat l’Impressionismo si avviava ad una sorta di Simbolismo, Gauguin, fin dal 1885 si interessò al significato della linea, del colore e della forma, abbandonando ufficialmente l’Impressionismo condividendo tale posizione con l’amico e compagno Van Gogh che, nella sua prima produzione artistica cercò di trasmettere un messaggio d’amore e di carità cristiana esaltando l’umile dignità della povera gente. I colori utilizzati in questa fase artistica sono cupi, dalle tonalità basse, nati dalla convinzione che “ogni realtà fosse simbolica”. Nessuno aveva mai disegnato o dipinto con la stessa nervosa istintività; i suoi colpi di pennello hanno il potere di stabilire un immediato contatto emotivo con lo spettatore, il colore traduce in termini pittorici emozioni con ineguagliabile immediatezza: in questo modo di dipingere trovano radici e stimoli le nuove conquiste estetiche del XX secolo.

La vicenda dell’Impressionismo è come una cometa che attraversa la storia dell’arte rivoluzionando soprattutto la tecnica. Dura poco meno di venti anni: nel 1880 l’Impressionismo può già considerarsi un’esperienza chiusa. Esso, tuttavia, lascia un’eredità a cui fanno riferimento tutte le esperienze pittoriche successive; non è azzardato dire che è l’Impressionismo ad aprire la storia dell’arte contemporanea.

Sulla base di questa certezza Arte sul Serio non può mancare la visita alla mostra a Treviso il 30 Aprile 2017 “STORIE DELL’IMPRESSIONISMO – I grandi protagonisti da Monet a Renoir, da Van Gogh a Gauguin”.

L’esposizione è suddivisa in sei sezioni che consentono al visitatore di percorrere un cammino tra capolavori che hanno segnato una delle maggiori rivoluzioni nella storia dell’arte di tutti i tempi. Facendo ricorso a prestiti provenienti da alcuni tra i principali musei del mondo, ma anche da collezioni private, la mostra risulta essere un’occasione unica di approfondimento e di scoperta di una bellezza sconosciuta.

Arte sul Serio compie 10 anni

Di Federico Bianchi

Pubblicato sul mensile “Paese Mio” – Marzo 2017

 

img2.jpgArte sul Serio, associazione di appassionati d’arte, festeggia quest’anno il decimo anniversario della sua nascita.

Un gruppo di amici appassionati di pittura avevano deciso nel 2007 di prendersi la responsabilità e l’impegno di estendere la loro passione anche ad altri.

Da qui, organizzare corsi, cercare docenti, organizzare visite ai musei ed incontri su argomenti specifici è stato un impegno costante, impegno che rimane per l’associazione una missione da coltivare e potenziare continuamente.

Al corso di pittura, nel tempo si sono aggiunti corsi di disegno e tecniche di base, di affresco, di intaglio del legno ed altri

Da tre anni si è aggiunto il corso di arte contemporanea un misto tra tecnica pittorica, installazioni e approfondimenti.

Consolidata questa forma di impegno, l’associazione si sta muovendo per aumentare in modo attivo la sua presenza sul territorio portando la sua esperienza e passione tra la gente.

Far conoscere l’arte attraverso l’organizzazione di eventi o la partecipazione ad eventi organizzati da altri è parte della natura di un’associazione e Arte sul Serio intende farlo.

E’ un obiettivo importante che raggiungerà risultati sempre più significativi nel tempo.

E’ un qualcosa che va costruito gradualmente coinvolgendo e collaborando sempre più con realtà che già operano sul territorio anche in ambiti diversi quali ad esempio la musica, il teatro o in generale con realtà che hanno a che fare con il sociale.

Da qui le iniziative che già nel 2017 vede impegnata Arte sul Serio in eventi quali le mostre previste nella chiesa di S. Bartolomeo in Albino nelle date:

– 25-26 marzo organizzata dal corso di pittura

– 1-2 aprile organizzata dal corso di disegno e tecniche di base

– 8-9 aprile gli intagliatori del legno espongono le loro opere

– 22-23 aprile sono in mostra le opere dei i corsisti di arte contemporanea.

Un percorso finalizzato alla preparazione della mostra collettiva degli associati che si terrà dal 20 maggio al 03 giugno sempre nella chiesa di S. Bartolomeo.

E’ quest’ultima la mostra dell’associazione, da anni viene organizzata a chiusura del ciclo dei corsi è la vetrina del risultato di un anno di impegno e passione.

Nei giorni 25 marzo, 1 aprile e 6 maggio Arte sul serio, sarà ospite con alcune sue opere ai concerti di Albino Classica e questo grazie alla collaborazione intrapresa con l’associazione Carlo Antonio Marino.

Altra importante iniziativa è l’esposizione permanete nel comune di Albino dove gli associati a turno si alterneranno di mese in mese ad esporre varie opere.

Considerato il successo dello scorso anno, Arte sul Serio organizzerà per i giorni 23-24 settembre   il concorso di pittura “Albino citta del Moroni – I edizione” aperto a tutti.

Il concorso verrà ospitato presso la scola di S. Anna, resa disponibile dalla cooperativa “Nuovi Orizzonti”.

Queste alcune delle attività intraprese per l’anno 2017, tutte con l’obiettivo di contribuire a stimolare l’interesse verso l’arte in tutte le sue forme, ed incentivare lo spirito di collaborazione tra realtà che si impegnano sul territorio a portare qualcosa che stimoli nell’uomo quella parte che spesso le contingenze del vivere di oggi tendono a cancellare.

E’ un invito anche ad artisti che vivono la loro passione in modo isolato ad aggiungersi a questi obiettivi portando il loro contributo. L’arte è un dono che tutti abbiamo dentro, non tutti lo percepiamo, sta a chi la vive farlo emergere anche in chi non sa di avere questo dono.

L’uomo è una espressione d’arte prima ancora che un elemento di produzione, sta a noi “artisti”, associazioni d’arte o altro, ricostruire questa consapevolezza in lui.